Ipoteca sulla Casa ed Estinzione

Estinzione Ipoteca

Ai fini dell’ottenimento di un mutuo (definito mutuo ipotecario), la principale garanzia offerta dal richiedente è l’ipoteca sul bene oggetto del finanziamento.

Prima che l’ipoteca venga accesa, occorre procedere alla relativa iscrizione, da effettuare presso per atto pubblico davanti ad un notaio.
Tale atto attribuisce alla banca od all’istituto finanziatore la possibilità, qualora si verifichi un caso di insolvenza, di prendere possesso del ricavato relativa alla vendita del bene in questione.

Possono essere oggetto dell’ipoteca solamente i beni immobili.

Il creditore in questo modo acquisisce il diritto di prelazione, ovvero la possibilità di soddisfarsi sul ricavato della vendita dell’immobile anche senza esserne proprietario.
L’effettivo proprietario, di conseguenza, conserva il diritto di proprietà e di godimento del bene, ma non potrà disporne come se fosse libero.

L'ipoteca sull'immobile decade automaticamente dopo 20 anni dalla sua iscrizione. Nel caso in cui il mutuo ha una durata superiore la stessa viene generalmente rinnovata.
E' possibile richiedere una cancellazione dell'ipoteca anche prima del termine di scadenza ma è necessario che il debito sia stato precedentemente estinto.

Il mutuatario deve, dopo aver ottenuto il consenso alla cancellazione d'ipoteca da parte della banca ad un notaio per la cancellazione dell'ipoteca il cui costo si aggira sui 600/800 Euro.

Attenzione! Inserisci un indirizzo email valido.
Riceverai una mail con le istruzioni per la pubblicazione del tuo commento.
I commenti sono moderati.
Nome
E-Mail
Sito Web
Commento
Accetto informativa per la privacy
Accetto informativa per i dati personali

Grazie, riceverai una mail con le istruzioni per attivare il commento!
Se non ricevi il messaggio controlla anche tra la tua posta indesiderata,
il messaggio potrebbe essere erroneamente considerato come spam.