Ottenere un Mutuo

Richiesta Mutuo

L’atto che sancisce la stipula del contratto, stabilendo le varie clausole che definiscono la tipologia di mutuo prescelta e le modalità di rimborso, è definito “ compromesso” o “promessa di vendita”.

Questo è lo strumento giuridico che consente al richiedente di ottenere la somma necessaria all’acquisto dell’immobile. Il passo successivo è stipulare l’atto pubblico di compravendita.

A tal fine è necessario ricercare un istituto di credito serio ed affidabile, tale da soddisfare ogni singola esigenza.


LA RICHIESTA DEL MUTUO

Scelto l’istituto di credito o la banca presso cui rivolgersi, è necessario compilare la richiesta di finanziamento in modo estremamente preciso e puntuale, in ogni sua parte.
La domanda è predisposta sotto forma di questionario e contiene le informazioni seguenti.

- Dati anagrafici del richiedente.
- Residenza ed attuale abitazione: dichiarare se in affitto, in proprietà o presso terzi.
- Composizione del nucleo familiare e persone a carico.
- Occupazione attuale: dipendente o lavoratore autonomo.
- Anzianità di servizio o di lavoro autonomo.
- Settore lavorativo/produttivo.
- Se lavoratore dipendente: indicazione e qualifica del proprio datore di lavoro.
- Reddito netto mensile ed annuale.
- Descrizione dell’unità immobiliare e delle sue pertinenze (superficie totale, coperta e scoperta, fronti stradali,numero piani, anno di costruzione).
- Valore della costruzione.
- Dichiarazione di non avere debiti o di averne avuti in passato. Nell’eventualità, precisarne l’importo e fornire identità dei creditori.

IL PARERE PRELIMINARE DI FATTIBILITA'

Tutte le informazioni contenute all’interno della domanda di mutuo permettono alla banca, o all’eventuale istituto di credito, di esprimere un primo parere di fattibilità sull’operazione finanziaria richiesta. Solitamente, il tutto dipende in generale dal concorso dei seguenti elementi:

- Reddito netto del richiedente e del suo nucleo familiare, desunto dalla dichiarazione dei redditi;
Valore dell’immobile oggetto del finanziamento;
- Garanzie supplementari prestate da terzi (fideiussione, pegno).

Dall’esame di questi dati si evince il parere di fattibilità, positivo o negativo a seconda delle circostanze. Se è favorevole, si può passare alla fase successiva, ovvero alla richiesta di documentazione. Un fattore determinante per ricevere il consenso ed influenzare positivamente l’entità dell’importo finanziato, è il rapporto rata/reddito. In ogni caso, comunque, la rata del mutuo non può superare il 30-35 % del reddito netto mensile.


LA RICHIESTA DI DOCUMENTAZIONE

Se il parere di fattibilità è risultato positivo, occorre inoltrare alla banca (o all’istituto di credito) tutta i documenti necessari per confermare quanto già dichiarato nella richiesta di mutuo, anche se in modo informale.

- Dichiarazione del datore di lavoro dell’anzianità di servizio del dipendente;
- Originale dell’ultimo cedolino dello stipendio;
- Copia del modello CUD (o del mod. 730 o “Unico”);
- Estratto della Camera di Commercio Industria e Artigianato (C.C.I.AA.);
- Attestato di iscrizione all’Albo professionale (se liberi professionisti)
- Certificato di nascita e certificato di stato civile o estratto dell’atto di matrimonio, completo di relative eventuali annotazioni. L’estratto di matrimonio deve contenere tutte le eventuali convenzioni patrimoniali stipulate fra i coniugi;
- Se divorziati o separati legalmente, copia della sentenza del tribunale;
- Copia del compromesso;
- Planimetria ed indicazione delle proprietà confinanti dell’immobile e delle pertinenze;
- Copia del certificato di abitabilità;
- Copia dell’ultimo atto di acquisto dell’immobile;
- Mod. 240 o Mod. 4, se l’immobile è pervenuto per successione.


LA DELIBERA

Acquisita la documentazione inoltrata ed effettuati i dovuti accertamenti, come ad esempio l’acquisizione della dichiarazione notarile preliminare sul bene offerto in garanzia e la relazione tecnico-estimativa, la banca o l’istituto di credito è in grado erogare il finanziamento, dopo averne data immediata comunicazione al richiedente.


FINANZIAMENTO MASSIMO

Solitamente, l’importo massimo finanziabile corrisponde all’80% del valore di mercato dell’immobile oggetto d’ipoteca. In alcuni casi il mutuo può coprirne il valore al 100%, con tassi più onerosi ed ulteriori garanzie.


IL CONTRATTO DI MUTUO

Il contratto di mutuo è la fase conclusiva del procedimento iniziato con la sottoscrizione della proposta di acquisto e della promessa di vendita (compromesso). Il mutuo viene stipulato davanti ad un notaio, presenti la Banca (o l’istituto di credito) ed il richiedente, e va redatto per atto pubblico.


LA COSTITUZIONE DI IPOTECA

Di norma, insieme all’atto di mutuo viene costituita l’ipoteca sulla unità immobiliare oggetto del finanziamento. L’ipoteca viene iscritta nei Pubblici Registri immobiliari e quindi è resa pubblica.

L’ipoteca dunque non copre solo il capitale erogato, ma anche le seguenti spese:

- Interessi vari, nella misura concordata;
- Eventuali interessi di mora, in caso di ritardi o mancato pagamento delle rate;
- Premi assicurativi;
- Oneri erariali, tributi, oneri notarili, professionali, ecc...;
- Spese giudiziali sostenute per il recupero del dovuto.

L’ipoteca si considera estinta automaticamente dopo 20 anni. Qualora si desiderasse vendere l’immobile, sarà necessario chiedere alla banca (o all’istituto di credito) l’assenso alla cancellazione.


L'EROGAZIONE DELL'IMPORTO

L’erogazione dell’intero importo ha luogo contestualmente alla stipula dell’atto. Tuttavia, la somma pattuita deve essere allo stesso tempo riversata dal richiedente presso la banca (o l’istituto di credito), a titolo di deposito a garanzia dell’iscrizione ipotecaria.

Nei dieci giorni successivi, periodo fissato dalla legge per il consolidamento dell’ipoteca, l’importo versato verrà definitivamente riconsegnato al mutuatario.

Per agevolare tutta la procedura di transazione, generalmente la banca in genere attiva il cosiddetto prefinanziamento, rendendo immediatamente disponibile la somma concordata.

Attenzione! Inserisci un indirizzo email valido.
Riceverai una mail con le istruzioni per la pubblicazione del tuo commento.
I commenti sono moderati.
Nome
E-Mail
Sito Web
Commento
Accetto informativa per la privacy
Accetto informativa per i dati personali

Grazie, riceverai una mail con le istruzioni per attivare il commento!
Se non ricevi il messaggio controlla anche tra la tua posta indesiderata,
il messaggio potrebbe essere erroneamente considerato come spam.